marzo 2012 ~ Scrivi un Commento

Lino Banfi vittima di falso ateneo



Attenzione!

Questo articolo è stato scritto nel 2012 e potrebbero esserci stati degli aggiornamenti a proposito. In caso di dubbi lasciate un commento in fondo all'articolo. Grazie.

Conferire lauree ad honorem a personaggi illustri era solo uno stratagemma escogitato da un falso Ateneo per attirare l’attenzione di professionisti e imprenditori allettati dalla possibilità di terminare gli studi e figurare nello stesso novero di stimate personalità. Insomma, ignoti avevano creato un’università fantasma, “Giovanni Paolo I“, con lo scopo di stringere legami con nomi illustri del mondo politico, ecclesiastico e culturale italiano, e poi trarne dei benefici.

La falsa università, smascherata nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza, aveva sede nei locali di servizio di un’associazione di artigiani mentre per gli uffici del Rettorato era stato scelto un appartamento vuoto di Latina.
Vittima del nobile inganno, oltre all’onorevole Rocco Buttiglione, anche l’attore Lino Banfi:

“Non posso più tollerare che la mia immagine e la mia identità personale continuino ad essere abbinate all’università Giovanni Paolo I che la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha accertato essere giuridicamente priva di valore. Per questo ho incaricato l’avvocato Giorgio Assumma di Roma di intraprendere ogni più opportuna azione legale per tutelare la mia personalità.

Io sono solo la vittima di una ingegnosa macchinazione, nella quale sono state coinvolte anche molte personalità del mondo politico e del mondo accademico. Quando il rettore di tale università mi ha proposto di conferirmi la laurea onorifica in Scienze delle comunicazioni non ho avuto dubbi nell’accettarla.
Le referenze che egli mostrava sia sull’esistenza dell’istituto accademico sia sulla validità dei suoi corsi di istruzione erano apparentemente autentiche ed attendibili. Sono quindi caduto dalle nuvole quando la Guardia di Finanza mi ha sequestrato il diploma di laurea dicendomi quale era la verità”.

Fonte University e Ansa »

Precedente «
Successivo »

Se ti piacciono i contenuti di LinoBanfi.com, condividili con i tuoi amici e resta aggiornato mediante il servizio di email Alert oppure i Feed del sito!

Ti potrebbero anche interessare...



Scrivi un Commento