ottobre 2011 ~ 1 Commento

Tettation: il 45 giri di Lino Banfi che forse manca alla tua collezione!



Attenzione!

Questo articolo è stato scritto nel 2011 e potrebbero esserci stati degli aggiornamenti a proposito. In caso di dubbi lasciate un commento in fondo all'articolo. Grazie.

Prima di diventare l’attore d’oro delle commedie sexy anni 80 assieme ad Alvaro Vitali, Lando Buzzanca, Renzo Montagnani, e tanti altri, Lino Banfi ha lasciato anche un segno nel mondo della musica, sua grande passione sin dagli inizi della carriera.
Il 45 giri “Tettation” è programmatico sin dal titolo e dalla copertina: un’ode strampalata alle tette appunto, ma anche insana premonizione dei chili di carne (e che carne!) che l’attore pugliese vedrà nel corso della sua carriera.
La canzone non è altro che un’estensione sul pentagramma del suo caratterismo comico prima maniera e si tratta di un brano per lo più parlato su una base disco, il tutto giocato sul ricordo dell’amata, probabilmente idilliaco, dei tempi che furono quando questa sfoderava un corpo magnifico, ma soprattutto un bel paio di grossi e prorompenti seni.
Il lato B, intitolato invece “Imprecation” è una sonnolenta ballata soul con un testo che sembra quasi improvvisato.

Un’oggetto che non può mancare ai collezionisti o i cultori del genere anche perchè, come spesso accade in questi casi, si tratta oggi di un pezzo piuttosto raro vista la scarsa fortuna che ebbe all’epoca.

Fonte Orrorea33giri.com

Precedente «
Successivo »

Se ti piacciono i contenuti di LinoBanfi.com, condividili con i tuoi amici e resta aggiornato mediante il servizio di email Alert oppure i Feed del sito!

Ti potrebbero anche interessare...


1 Commento

  1. Er Giraffa 2 marzo 2016 alle 16:15

    Sono appassionato di 45 giri, ne possiedo più di 13.000 e trovai questo disco una domenica a Porta Portese.Oltre alla curiosità di trovare la copertina apribile(inusuale nel tempo, ma sopratutto per la casa discografica Ariston), sorpresa sorpresa, il disco è autografato da Lino Banfi, che ringrazia una coppia di fratelli per l’acquisto del disco.Un ultima curiosità, l’ho pagato solo un euro, insieme ad una trentina di altri dischi.



Scrivi un Commento